Dal 1971 l'opera delle Charités, fondata da San Vincenzo e ormai diffusa in molti paesi, si è costituita in un'associazione internazionale legalmente riconosciuta, col nome AIC, cioè Associazione Internazionale delle Charités. Mantenendo anche nella nuova denominazione l'antico nome Charités, si è voluto sottolineare la continuità con quei primi gruppi fondati da San Vincenzo. Oggi l'AIC è presente in Europa, America Latina, Africa, Asia, Stati Uniti, in 52 paesi, con oltre 250.000 volontari, in prevalenza donne, e ha il compito di coordinare la formazione e il lavoro delle Associazioni nazionali e locali, di definire linee operative comuni e di rappresentare l'Associazione all'esterno.

Per questo, fa parte di numerose commissioni a livello sia sociale che ecclesiale: è per esempio membro sia della rete europea contro la povertà - EAPN - sia della Conferenza delle Organizzazioni Internazionali Cattoliche (OIC). Inoltre ha lo statuto consultivo presso alcune agenzie dell'ONU, quale l'UNESCO, e presso il Consiglio d'Europa. Questo consente alle nostre rappresentanti presso questi grandi organismi di far conoscere le situazioni di povertà e di ingiustizia che le volontarie dei vari paesi denunciano e di proporre iniziative di solidarietà e di promozione.

Statuto AIC in lingua francese  
Statuto AIC – traduzione in italiano di Ida Soldini
Regolamento Interno AIC in lingua francese  
Regolamento Interno AIC traduzione in italiano di Ida Soldini
Statuto Canonico in lingua francese 
Statuto Canonico traduzione di Sr. Giulia Collavini FdC
Governance